BookSTORMING: che libri mi dici se dico “amici”?

La parte più bella di tutte le storie, anche quelle di fantasia, è ritrovarle nella vita reale. Quei sentimenti, come l’amicizia, di cui sono pieni i libri di favole hanno tante sfumature nella vita di tutti i giorni. Così tante che credo non ci siano abbastanza libri che le raccontino tutte. Noi ve ne consigliamo alcuni!

“Jip e Janneke. Amici per sempre” e “Jip e Janneke. Vieni a giocare” di Annie M. G. Schmidt e Fiep Westendorp.

Ci sono libri che da grande ricorderai con nostalgia, sono quei libri che raccontano di storie semplici, vere, vicine a te, dove i protagonisti sono bambini che vivevano le tue stesse avventure fatte di letti che diventano navi dei pirati, giochi nel fango, salti nelle pozzanghere, litigate che finiscono con un “andiamo a giocare a pallone?”. E ancora merende condivise, passeggiate in campagna, cani e gatti che sono parte della banda, bambole da vestire e macchinine da far correre. Jip e Janneke sono questo e molto altro, e il profumo di giochi e amicizia si sente ad ogni pagina sfogliata. Qui da noi sono diventati compagni di viaggio per tutti i giorni, perché si sa, quando si è bambini ogni giorno è una nuova avventura.

“L’incredibile storia della pera gigante” di Jakob Martin Strid

Avete mai pensato a come sarebbe divertente navigare in mezzo al mare a bordo di un’enorme pera gigante? No, vero? Perché la nostra fantasia è spesso bloccata, limitata. Invece i bambini hanno il potere di farti pensare che in fondo è possibile, che le pere possono pesare anche quindici tonnellate, che le isole possono spostarsi, che i gatti e gli elefanti possono essere nostri vicini di casa e che se non apri quella porticina e lasci entrare un po’ di fantasia non solo ti perderai il bello che la anima ma diverrà sempre più difficile vivere il reale, come se tutto fosse sempre impossibile. Invece non è male lasciarci educare all’impossibile che diventa possibile e nulla lo fa meglio di un libro.

“Tre piccoli pirati” di Peter Bently e Helen oxenbury

L’illustratrice è la stessa di “A caccia dell’orso” e già questo potrebbe bastare. Che poi se non conoscete un classico della letteratura per bambini come questo vi consiglio di rimediare subito perché cantare insieme al proprio bimbo il percorso che la famiglia compie alla ricerca del grande animale, è la vera avventura del libro! Ma ritornando ai tre piccoli pirati.. avete mai pensato che i bambini non hanno bisogno di chissà cosa per divertirsi? Ci ostiniamo a comprare loro giochi su giochi quando invece basterebbe osservarli per capire che hanno già tutto quello di cui hanno bisogno: la fantasia. Questo è l’unico ingrediente, che spesso perdiamo diventati adulti, che gli permette di costruire un galeone con la sabbia e un bavaglino come bandiera, di solcare mari sconfinati, di sfidare un veliero dei pirati e resistere ad una tempesta. Tre fratelli che affrontano un’avventura entusiasmante, tutta vissuta nella loro testa ma che diventa il gioco più bello. Un libro che può esser letto dai 2 anni per coinvolgimento, disegni e rime ma realmente compreso dai 4 anni per il gioco di immaginazione su cui si snoda.

“Sulla collina” di Sarah Linda

Per i bambini il concetto di “mio” è molto forte: vale per le cose, ma anche per le persone. Basta pensare alla gelosia che scatena un nuovo fratellino o sorellina, alla necessità di tenersi ben stretti mamma e papà, di mettere dei paletti su quello che possiamo concedere (a fatica) e quello che non si tocca. A pensarci bene è un sentimento che ci portiamo dietro tutta la vita: marito, moglie, amiche. A volte l’entrata in scena di qualcun altro nella relazione che pensavamo esclusiva ci destabilizza. Allora è bene salire su quella collina con Uto e Leo per imparare che le cose belle non finiscono quando arriva un Samu. Bisogna solo scoprire un nuovo ritmo, una nuova SamuLeoUtitudine! L’amore non è una operazione col diviso, ma col per.

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *